La tecnologia e l’innovazione per la lotta al Coronavirus. Anche AM/FM GIS Italia partecipa

In questo periodo difficile e convulso, ci viene chiesto di collaborare per quelle che sono le nostre capacità, le nostre competenze e le nostre possibilità, e di dare una mano “fisica, sociale, culturale, tecnologica…”.

Sulla scia dell’iniziativa congiunta Innova per l’Italia del MID MISE MUR e AgID e di Solidarietà Digitale, promossa dal MID con il supporto tecnico di AgID, i membri del Consiglio Direttivo dell’Associazione AMFM GIS Italia si sono confrontati per trovare la forma di adesione più adatta a questa chiamata, chiedendo anche a tutti i soci di inviare idee, commenti e suggerimenti, per realizzare iniziative che fossero di supporto, di collaborazione e di contributo a chi è in prima linea e a chi #iorestoacasa.

La risposta dei soci è stata lusinghiera: sono pervenute diverse proposte, alcune di immediata realizzazione, altre da perfezionare: tutte comunque perfettamente in linea con lo spirito con cui AMFM GIS Italia si è proposta.

Una breve sintesi delle iniziative finora attivate -e delle corrispondenti modalità di fruizione- è consultabile all’indirizzo https://labgis.di.unisa.it/amfm/.

La prima iniziativa prevede l’accesso gratuito al materiale formativo inerente alla certificazione ECDL GIS. Si tratta di slide in formato pdf che affrontano tutti i temi previsti dal Syllabus di tale programma formativo, suddivisi in tre moduli. Sono disponibili anche esercizi e test. Questo materiale viene solitamente distribuito ai partecipanti dei corsi realizzati dall’associazione e indirizzati al conseguimento della certificazione. Il suo utilizzo viene esteso sul Web, auspicando che sia consultato da studenti, appassionati di geografia ma anche esperti in altri campi e semplici cittadini, e contribuisca così a diffondere passione per questa disciplina e consapevolezza del ruolo di driver che sta ricoprendo nella Trasformazione Digitale della Società

La seconda iniziativa è stata realizzata nell’ambito dell’insegnamento di Geographical Information Systems per il Corso di Laurea Magistrale in Informatica, presso il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Salerno. Gli studenti del corso hanno realizzati un portale Web che consente la consultazione -da qualsiasi dispositivo- delle vie di accesso e dei blocchi stradali stabiliti all’interno di una zona rossa. I punti posizionati sulla mappa sono accompagnati da un indirizzo e da una immagine del luogo per aiutarne l’individuazione. Il portale è personalizzabile sulla base dei dati disponibili e può essere aggiornato con la posizione dei negozi e dei centri commerciali dove è possibile utilizzare i buoni spesa.

Infine, la terza iniziativa, “QMap4Covid19“, è stata realizzata dall’azienda Helix S.r.l. del Consorzio Quadratech. Essa rende disponibile gratuitamente, per la durata dello stato di emergenza, una procedura atta a supportare i Comuni nella gestione degli aiuti per soggetti bisognosi e per la mappatura dei soggetti in quarantena.

L’accesso alle informazioni è ristretto al solo personale autorizzato dal Comune e ogni Comune visualizza e gestisce solo i propri dati. Nel dettaglio, la procedura prevede la registrazione delle informazioni sui soggetti richiedenti assistenza e, se in quarantena, ne specifica le date di inizio e fine; sono poi elencate le necessità dichiarate dal soggetto (spesa, farmaci, …) e il contributo economico eventualmente assegnato. È infine possibile registrare le attività che sono state svolte nei confronti del soggetto. Tutti i dati possono essere esportati per successive valutazioni.

Per quanto riguarda invece le iniziative in fase di preparazione, AMFM GIS Italia sta organizzando e coordinando lo sviluppo di una piattaforma di consultazione e gestione dati di rilevanza territoriale, predisposta a beneficio degli EE.LL con popolazione superiore ai 50.000 abitanti, ai quali sarà concessa in uso gratuito corredata di dati georiferiti, utili per agevolare concretamente ed operativamente le operazioni di pianificazione e gestione delle attività emergenziali.

La piattaforma potrà essere messa a disposizione di tutti quei soggetti pubblici e privati che operano in favore della municipalità (servizio 118, Unità di Protezione Civile Locali, Polizia Municipale, CRI, ecc..) e che quotidianamente necessitano di informazioni ad oggi ancora troppo approssimative in termini di geolocalizzazione di dettaglio dei residenti, di tracciabilità frazionata e di punti di approvvigionamento alimentare degli stessi, nonché riguardanti l’organizzazione delle attività di ricovero o di assistenza domiciliare, per chi ne possa avere necessità in tempi brevi.

Sviluppata sulla base di un ambiente fornito da una delle major internazionali dei sistemi satellitare di navigazione per veicoli, consentirà, tra le diverse funzionalità, valutazioni a priori, così come in tempo reale:

  • il dettaglio dei dati del traffico legati al tempo di percorrenza di qualsivoglia tratta stradale di interesse, sia dal punto di vista statistico che funzionale;
  • le aree di concentrazione di residenti potenzialmente più bisognosi di assistenza domiciliare o ricovero in tempi brevi;
  • le necessità di incremento locale dell’approvvigionamento alimentare per numero di residenti;
  • la disponibilità, l’ubicazione e le necessità di incremento locale dei presidi di prima assistenza medica o ospedalieri;
  • l’esistenza e la localizzazione sul territorio di personale volontario dichiaratosi disponibile a erogare servizi di approvvigionamento alimentare in favore dei cittadini che vivono in condizioni di autonomia ridotta o a cui sono stati ridotti i limiti geografici dei propri percorsi esistenziali;
  • l’esistenza e la localizzazione sul territorio di personale volontario dichiaratosi disponibile a erogare servizi legati all’accompagnamento di cittadini con capacità ridotte o con problemi di deambulazione;
  • il dettaglio dei servizi comunali erogati in favore della collettività maggiormente disagiata in merito alla predisposizione di buoni pasto e pratiche affini;
  • l’esistenza e la localizzazione sul territorio di professionalità qualificate resesi disponibili a creare supporto psicologico e comportamentale durante le fasi di coesistenza virale successive a quella corrispondente all’applicazione delle misure di confinamento totale dei cittadini (lockdown); 
  • l’opportunità di conferire alla collettività occasioni programmate e localizzate di percorso pedonale strutturato e nei limiti delle eventuali restrizioni insistenti durante le fasi di coesistenza virale successive a quella di lockdown.

La piattaforma sarà operativa e concessa in uso entro la fine dell’estate 2020.

A cura di Sergio Farruggia.

Fisico, collabora a progetti nazionali ed europei inerenti alla Geographic Information e partecipa attivamente alla vita di associazioni del settore. E’ vicepresidente di Stati Generali dell’Innovazione e segretario generale di AM/FM GIS Italia

Share with:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *