I dati ufficiali sull’epidemia rilasciati dalla Protezione Civile

Avere dati Open vuol dire averli non soltanto associati ad una licenza d’uso che ne consenta il riuso, ma anche in formati tali che rendano possibile l’utilizzo dei dati in sistemi software, fogli elettronici, applicazioni e database. Si dice così che i dati sono “machine readable” ed è un requisito essenziale per  poter riutilizzare dati al fine di sviluppare analisi, visualizzazioni, generare servizi e fare corretta informazione.

I primi giorni in cui l’epidemia causata da coronavirus si stava rapidamente diffondendo,  il Dipartimento della Protezione Civile ha cominciato a diffondere i primi dati. Lo ha fatto ogni giorno nella conferenza stampa delle 18 e subito dopo, a seguire, sul proprio sito Web. In realtà i dati in un primo momento venivano pubblicati sotto forma di file pdf, per cui il loro riuso diventava decisamente poco agevole. E’ stato grazie anche alla campagna lanciata sui social dall’associazione onData e rilanciata da tantissimi attivisti digitali, giornalisti, esperti di dati e cittadini che nel giro di qualche giorno i dati sono stati resi finalmente Open. (Coronavirus, gli open data per informare sull’emergenza)

Il Dipartimento della Protezione Civile ha infatti rilasciato i dati in formato csv all’interno di un proprio repository sulla piatatforma Github (https://github.com/pcm-dpc/COVID-19), una piattaforma che sviluppatori di tutto il mondo utilizzano per condividere codice, progetti software e dati. Va detto che al Dipartimento stavano ragionando su come fare per andare oltre la pubblicazione in pdf e pubblicare i dati in modalità “machine readable”. Ma non c’è dubbio che l’azione di onData abbia contribuito a rompere ogni indugio.

Con i dati disponibili nel repository e aggiornati giornalmente, giornalisti, ricercatori, esperti di dati e centri di ricerca di tutto il mondo hanno così potuto monitorare l’andamento dell’epidemia, fare previsioni e analisi e fare informazione.

Qui di seguito alcune analisi, visualizzazioni e servizi che sono nati proprio sui dati forniti dalla Protezione Civile

Accesso ai dati via API: https://openpuglia.org/content/i-dati-ufficiali-sullepidemia-covid-19-attraverso-api-openpuglia

Lab24-IlSole24Ore: https://lab24.ilsole24ore.com/coronavirus/

Il gruppo FB di Dataninja: https://www.facebook.com/dataninjait

Il gruppo FB Dati Analisi Coronavirus: https://www.facebook.com/DatiAnalisiCoronavirus/

Vincenzo Patruno

Credits: Guenter Richter

Share with:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *