Internet è un bene primario?

Siamo sicuramente tutti d’accordo sul fatto che Internet sia un bene primario. Soprattutto oggi nella situazione che viviamo. Purtroppo non è così per l’INPS ha fino a poco tempo fa confermato che la bolletta di telefono e internet non rientra nelle spese ammissibili del reddito di cittadinanza.

Anche chi vive con il sussidio basico del reddito di cittadinanza si trova oggi a dipendere da Internet per l’educazione dei propri figli e per molto altro. Risulta quindi imprescindibile ovviare a questa stortura.

Sarebbe anche opportuno che anche le altre utenze si possano pagare online. Ciò eviterebbe lunghe code negli uffici postali, cosa oggi da sconsigliare vivamente. Il pagamento si può fare anche nei tabacchini che attualmente sono ancora aperti, ma naturalmente pagando una commissione che molti vorrebbero risparmiare.

Speriamo di avere buone notizie sul tema al più presto.

Share with:


2 thoughts on “Internet è un bene primario?

    • Author gravatar

      Si potrebbe promuovere una specie di crowdfunding, dove posta una fattura verificata e anonimizzata si apre una campagna di donazione che fluisce direttamente al pagamento della bolletta

    • Author gravatar

      Grazie per l’iniziativa, che chiamerò: “ABILITARE CARTE RdC o PdC PER PAGAMENTO UTENZE ONLINE É UNA NECESSITÀ PRIMARIA ATTUALE!”
      Infatti, è necessario, nell’attuale emergenza coronavirus, per permettere a TUTTI, incluso i percettori del RdC o PdC, di poter rispettare il DPCM del #IORESTOACASA che LE UTENZE (gas, elettricità ecc.) ammesse dalla Legge e/o regolamenti ecc. relativi a tale misura di “Lotta contro la povertà” nazionale possano essere PAGATE ONLINE. Ciò eviterebbe lunghe code negli uffici postali, attività oggi sconsigliata vivamente, se non addirittura vietata per i piu vulnerabili al virus. Inoltre, poter evitare di pagare una commissione (variabile da 1,50 a 2€ a bolletta, oltre quelle per prelivo contanti fino a 1,70€ per prelievo anche di soli 20€, bonifico affitto ecc. 2 € ….) alle POSTE ITALIANE o altro esercente (per es. tabacchini) non è indifferente per chi vive sulla soglia di povertà. Persone (2,3 milioni di famiglie) per le quali “risparmiare” [scusate l’eufemismo] anche solo 3€ al mese è di vitale… importanza! Speriamo vedere presto IL RISULTATO….concreto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *